Un classico da leggere: La ragazza di Bube

Buongiorno carissimi amici lettori!

Oggi vi parlerò di una lettura a me molto cara: ha accompagnato una delle estati che più ricordo con piacere e che col tempo ho sempre portato con me. Sto parlando del libro di La ragazza di Bube: è un romanzo scritto da Carlo Cassola tra il 1958 e il 1959 in cui vengono tra l’altro illustrati, attraverso la storia di ragazzi innamorati, i problemi politici e sociali del dopoguerra.

Venne insignito del Premio Strega nel 1960, anno in cui era stato pubblicato dalla casa editrice Einaudi.

L’ambientazione è quella post Liberazione. Due ragazzi Bube e la sedicenne Mara si innamorano e a seguito di un delitto commesso dal ragazzo e dai suoi amici sono costretti a scappare dal paese di origine. Inizia così il loro breve viaggiare insieme: infatti dopo pochi giorni Bube viene portato in Francia e Mara cambia completamente. Diventa ansiosa, cinica, cupa e apatica nei confronti della vita.

Dopo un anno, Bube costretto al rimpatrio, viene arrestato alla frontiera ed è condotto a Firenze. Mara lo incontrerà e durante l’incontro la ragazza si accorge che il suo attaccamento a Bube è ancora molto forte e decide che, da quel momento, sarà sempre la sua donna, rimarrà al suo fianco nonostante i quattordici anni di carcere che aspettano il suo amato. La ragazza incontrerà poi Stefan col quale si confiderà e vivrà una storia d’amore alla luce del sole. Come quelle che hanno le sue coetanee, ma dopo un lungo tira e molla, decide di aspettare la fine della condanna di Bube. Dopo la condanna Mara va spesso a trovare Bube in carcere.

Il romanzo termina con Mara, sette anni più tardi, lavoratrice di una fabbrica dove anche le donne fumavano e  viene descritta dell’autore nella serena attesa della liberazione di Bube per la quale dovrà attendere altri sette anni.

Mi è piaciuto un po’ per l’ambientazione post guerra vista con gli occhi di quella che all’epoca era una mia coetanea e un po’ perché Mara non si arrende davanti alle difficoltà obiettive della vita, l’incarcerazione di Bube, ma decide di aspettarlo perché resasi conto che il loro amore può superare ogni cosa.

Lo collocherei tra il romanzo rosa e quello storico.

Consigliato a chi vuole leggere il lieto fine.

Cassola lascia sullo sfondo quelle che sono le dinamiche politiche che percuotono l’Italia di quegli anni e si concentra sulla quotidianità di due ragazzi qualunque con i quali l’identificazione può risultare semplice.

Uno stile moto semplice e molto diretto a mio avviso: risulta così essere una lettura piacevole che accompagna il lettore verso gli ultimi pensieri di Mara.

La ragazza di Bube diventa così uno dei miei libri preferii un po’ per il legame affettivo che nutro verso questo romanzo un po’ perché è una delle poche letture con tema l’amore che non ho assolutamente trovato scontata.

Lo avete letto? Se non lo avete fatto e vi ho convinto trovate il libro sia nella collana BUR sia in quella di Oscar Mondadori: acquistabile sia in libreria che su Amazon e IBS.

Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate e ricordatevi di seguirmi sulle varie pagine social per sapere cosa sto leggendo ultimamente.

Annunci
Paola Calefato

2 risposte a "Un classico da leggere: La ragazza di Bube"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...