#PaginaUno: Tatty, la bambina dai capelli rossi

Bentrovati amici lettori! Pronti per questo fine settimana?

Io vi consiglio di procurarvi Tatty di Christine D. Hickey edito da PaginaUno, che ringrazio per l’omaggio, tradotto da Sabrina Campolongo.  

Ambientato nell’Irlanda degli anni ’60/’70 questo romanzo racconta la storia di una famiglia come tante dell’epoca, segnata dall’alcool e dalla figlia maggiore “speciale”.

Tatty è la figlia di mezzo dai capelli rossi, la cocca di papà, sempre pronta a tirarsi fuori dai guai. Circondata dalla famiglia, dalle zie e dagli amici cercherà di dar voce ai suoi sogni e alle sue ambizioni vivendo l’imposizione del collegio come una salvezza da quell’ambiente che l’avrebbe compromessa e lasciata a se stessa.

Un avvenimento tragico che coinvolgerà la famiglia la costringerà a rinunciare a tutto per prendersi cura dei suoi quattro fratelli e in qualche modo si ritrova a fare da madre ai propri genitori.

Tradotto abilmente (ho apprezzato parecchio il “dizionario” alla fine) da Sabrina Campolongo, autrice di Ciò che non siamo di cui trovate la recensione qui, il romanzo racconta la storia di una bambina costretta a crescere in fretta con quello che ha e che viene strappata via dall’unica possibilità di rivalsa.

Negli anni dell’infanzia la salva l’immaginazione e la forza di credere che prima o poi le cose sarebbero cambiate.

Il finale lascia l’amaro in bocca: si vorrebbe poter fare qualcosa per due genitori che non solo hanno annientato se stessi, ma anche i propri figli.

Con alcuni punti di spiccata ironia il romanzo conquista il lettore e lo porta in una famiglia come tante a lottare insieme a Tatty per un lieto fine. Hickey si dimostra l’erede della tradizione letteraria irlandese.

Complimenti alla traduttrice che rende benissimo quel modo di parlare tipico degli anni e per non aver “forzato” la traduzione: lo stesso soprannome della protagonista, Tatty per l’appunto, non viene tradotto. Tatty deriva sia da “Tell-tale-tattler” (spia-pettegola) ed è anche un modo famigliare per chiamare la patata, infatti Tatty Picker (raccoglitore di patate) è un modo gergale di chiamare un irlandese.

Super consigliato a chi vuole un libro di cui col tempo sicuramente sentiremo parlare e che vuole la storia semplice e vero-simile di una bambina come tante dell’epoca.

Vi lascio il link diretto per l’acquisto e come sempre vi ricordo che partecipo al programma di affiliazione di Amazon quindi se volete sostenere il blog cliccate e acquistate direttamente da qui.

Fatemi sapere se lo avete letto, se avete intenzione di leggerlo e cosa ne pensate.

Ricordatevi di seguirmi su Instagram (paolacalefato) e Facebook (MyPoBlog) per rimanere sempre aggiornati sulle mie letture.

Condividete se vi è piaciuto e iscrivetevi al blog per il prossimo articolo!

Non mi resta che augurarvi buona lettura!

A presto amici lettori!

Annunci
Paola Calefato

2 risposte a "#PaginaUno: Tatty, la bambina dai capelli rossi"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...